giovedì 12 luglio 2018

ISEO fino al 2 settembre 2018 Luci e forme pop all'Arsenale





















L’esposizione si estenderà anche al di là degli spazi dell’Arsenale, toccando la Franciacorta. Due delle opere verranno infatti collocate presso la cantina Barone Pizzini di Provaglio di Iseo (Via San Carlo, 14) dove saranno visibili dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 15.00 alle 18.30.

- Dal 15 luglio e per ogni domenica fino al 2 settembre alle ore 17.00 sono in programma, presso il palazzo dell'Arsenale, le visite guidate gratuite alla mostra a cura dell’Accademia Santa Giulia di Brescia "Luci e Forme Pop" di Marco Lodola e Carlo Pasini. Un viaggio tra i miti della cultura popolare contemporanea che da cinquant’anni mescola il reale con il virtuale, il vero con il falso. Alla ricerca di quei “quindici minuti di celebrità per tutti” profeticamente annunciati da Andy Wharol. 

- da sabato 14 luglio e per tutti i sabati fino al termine della mostra, apertura serale straordinaria dalle ore 21 alle 22.30. Ingresso libero.
Carlo Pasini e Marco Lodola accendono le sale del palazzo
 di Vicolo della Malinconia e lo invadono di colore 


Arsenale a tutto pop dal 7 luglio al 2 settembre per la mostra di Carlo Pasini e Marco Lodola. 

Un confronto tra due artisti dai linguaggi diversi che è anche un viaggio: un’esplorazione tra i miti della cultura pop (olare) contemporanea che da cinquant’anni mescola il reale con il virtuale, il vero con il falso. Alla ricerca di quei “quindici minuti di celebrità per tutti” profeticamente annunciati da Andy Wharol. 

All’interno del ricco calendario di iniziative dell’Estate Iseana, la Fondazione l’Arsenale in collaborazione con la Galleria Elleni di Bergamo, presenta la mostra “Luci e Forme Pop” di Carlo Pasini e Marco Lodola. Un lavoro, quello dei due artisti che attraversa la seconda e la terza dimensione, la pittura, la scultura e l’installazione ambientale: “un’arte, fatta da scatole luminose e pittura tattile che entra ed esce da quella che è la figurazione.” 

“Luci e forme pop” sarà un’esplorazione dei nuovi miti e dei nuovi riti collettivi quotidiani che oltrepassa le linee di demarcazione tra generi, tecniche e materiali. Da una parte Marco Lodola concepisce e realizza scatole luminose, simili ad insegne commerciali al neon, dall’altra Carlo Pasini con la sua pittura tattile apre la possibilità d’estensione di una gamma sensoriale; le sue creazioni prevedono infatti dalle 15 alle 30 mila puntine da disegno colorate, offrendo una rivisitazione delle icone della storia dell'arte e uno studio del mondo animale con particolare attenzione al naturalismo anatomico. 

L’esposizione si estenderà anche al di là degli spazi dell’Arsenale, toccando la Franciacorta. Due delle opere verranno infatti collocate presso la cantina Barone Pizzini di Provaglio di Iseo (Via San Carlo, 14) dove saranno visibili dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 15.00 alle 18.30. 

Da segnare in agenda l’Arsenale Pop Night: l’evento collaterale alla mostra in programma, sempre presso lo spazio di Vicolo Malinconia, per la serata di sabato 28 luglio, dalle 21 alle 23, con una vera e propria festa a tema: dall’accompagnamento musicale al dress-code tutto rigorosamente in stile Sixties. 

Dal 15 luglio e per ogni domenica fino al 2 settembre alle ore 17.00 sono in programma visite guidate gratuite a cura dell’Accademia SantaGiulia di Brescia. 

Da sabato 14 luglio e per tutti i sabati fino al termine della mostra apertura serale straordinaria dalle 21 alle 22.30. 

GLI ARTISTI 

CARLO PASINI: Nasce a Pavia il 12 giugno 1972. Dopo essersi diplomato presso il Liceo Artistico “Raffaello Sanzio” di Pavia si iscrive al Politecnico di Milano dove si laurea in Architettura con Fredi Drugman e Corrado Levi nel 1999. Inizia l’attività artistica presso il laboratorio di Aldo Mondino nel 2000 dove svolge il ruolo di collaboratore e assistente fino alla primavera del 2005. Numerosissime le mostre e i suoi lavori, tra i quali nel 2009 l’esposizione in India e al Miami Art Basel. 

MARCO LODOLA: Nasce a Dorno in provincia di Pavia. Frequenta l’accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano concludendo gli studi con una tesi sui Fauves che con Matisse saranno un punto di riferimento costante per il suo lavoro, così come Fortunato Depero e il Beato Angelico. Agli inizi degli anni 80’ intorno alla Galleria di Luciano Inga Pin a Milano, fonda con un gruppo di artisti il movimento del Nuovo Futurismo. Ha partecipato ad esposizioni e creato progetti per importanti industrie come Swatch, Coca Cola, Vini Ferrari, Harley Davidson, Ducati, Riva e Illy. Nel 2009 è stato invitato alla 53esima Esposizione Internazionale dell’Arte di Venezia con sala personale. 

LUCI E FORME POP 

ISEO, Palazzo dell’Arsenale 

7 luglio – 2 settembre 2018 

Orari 

martedì – venerdì 16-18; 

sabato e domenica 10-12; 16-18